Un intervento di Alberto Arenghi