Onofri: il Consiglio comunale non è un timbrificio