Nuovo sito del Comune: zero in trasparenza


Scritto da admin | domenica, 26 gennaio, 2014


Vota Articolo:
0 Voti



Sindaco e vice Sindaco hanno presentato il nuovo sito. Grafica migliore e social, è però bocciato su tutta la linea dal test di trasparenza del Ministero per la semplificazione.

[AGGIORNAMENTO] 28 gennaio 2014 -  La Loggia ci comunica di aver risolto i problemi di trasparenza del sito del Comune che supera ora i test previsti dal Ministero. Notizia molto positiva. Buon lavoro.
______________________
Da qualche giorno è on line la nuova versione del sito del Comune di Brescia. E' stato presentato con una conferenza stampa con Sindaco e viceSindaco, ottima copertura della notizia e pure Teletutto nel telegiornale ha dedicato un servizio.
Un'attenzione a dir poco robusta per una fatto tutto sommato piuttosto normale, il riordino e l'implementazione del proprio sito istituzionale. Va ricordato anche che avere un sito per un'istituzione pubblica in Italia non è una scelta politica o un merito, bensì un preciso dovere e un obbligo previsto dalla legge.
In questi giorni qualcuno ha sollevato perplessità sulla qualità del sito e sui problemi ancora non risolti con il passaggio alla nuova versione, ma son cose che si risolveranno. Quello che ci pare è che il nuovo sito sia più accattivante, con fotografie, box colorati e icone. Tutto sommato niente di nuovo o di particolarmente innovativo e comunque ben realizzato. Avere il link a twitter non è una novità, piuttosto andrebbe utilizzato il canale twitter del comune che ha solo 68 follower. Magari cominciando ad utilizzare hastang riconoscibili e utili (#trafficobrescia #lumacaincomune #maleducazione #risparmiocomune #ilmiosindaco), insomma twitter basta cominciare a usarlo.

Altre valutazioni debbono invece essere fatte quando si valuta se il nuovo sito del Comune rispetti o meno le leggi e le direttive in materia di comunicazione e di trasparenza.
E qui le note sono davvero dolenti.
Veniamo ai fatti. In Italia è vigente il Decreto legislativo n. 33 del 2003 che riguarda gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Questa legge è ispirata al concetto che se un cittadino cerca un'informazione non deve fare una navigazione complessa ma con pochi click deve poter trovare subito tutte le notizie che cerca.

Da questo punto di vista possiamo ben dire che il nuovo sito al momento non rientra in questi indirizzi, è sì accattivante e social ma non è tecnicamente “trasparente”.
La trasparenza non è questa e il verdetto non è nostro ma del Ministero per la pubblica amministrazione e la semplificazione che mette a disposizione sul web la bussola della trasparenza dei siti web, basta immettere l'indirizzo del sito istituzionale e la valutazione arriva dopo qualche secondo di elaborazione.
Potete provare voi stessi cliccando qui Il sistema rileva automaticamente molti indicatori e il sito del Comune di Brescia su 67 indicatori rilevati non ne ha in regola nemmeno uno. Zero.
Migliore la situazione di altri siti, quello del Comune di Milano, della Provincia di Brescia, della Regione Lombardia e finanche quello del Comune di Bergamo sono invece perfettamente in linea con le regole della trasparenza.
Quindi forse sarebbe meglio concentrarsi sul rendere trasparente come richiede la legge il sito del nostro Comune, poi potremo parlare della scelta dei colori della home e di social.

La Bussola della trasparenza dei siti web »

Commenti