Un nuovo collaboratore per il Vice Sindaco


Scritto da admin | mercoledì, 25 settembre, 2013


Vota Articolo:
22 Voti



Il vice Sindaco potrà scegliere a sua discrezione un collaboratore per tutta la durata del mandato: costo previsto 200 mila euro in 5 anni.

Con delibera unanime del 3 settembre 2013 – che abbiamo però letto solo oggi e che vi alleghiamo - la Giunta comunale ha deciso di costituire un ufficio di supporto al Vice Sindaco e di assumere un collaboratore che coadiuverà Laura Castelletti nell’esercizio “delle funzioni di indirizzo e controllo, per la gestione di rapporti e collaborazioni e per la comunicazione istituzionale con la struttura interna e con gli enti esterni al Comune”.
La giunta ha affidato direttamente al Vice Sindaco il potere di scegliersi il collaboratore, da assumere dal 9 settembre, 2013, tenuto conto della “eventuale esperienza lavorativa o professionale necessaria per lo svolgimento delle mansioni sopra descritte” (eventuale o necessaria?).
L’assunzione è a tempo determinato e durerà per tutto il mandato del vice Sindaco, fino a metà 2018. Alle casse del Comune costerà 13.300,00 euro per l’ultima parte del 2013 e 42.350,00 euro all’anno dal 2014 in poi: totale circa 200 mila euro.
Si tratta di un profilo di Istruttore Amministrativo (cat. C), cioè una persona con un normale diploma di scuola media superiore. Il Comune al 31.12.2011, ultimo dato disponibile, aveva 178 dipendenti della stessa categoria e moltissimi altri con titolo di studio più elevato.
Ricordiamo solo che nella “Relazione previsionale e programmatica per il triennio 2013/2015”, firmata dal Sindaco e votata lunedì scorso insieme al bilancio dalla maggioranza del consiglio comunale, a pag. 140 si legge:
- “Per quanto riguarda, poi, il versante delle assunzioni, il vincolo imposto dall’art. 14, comma 9, del D.L. n. 78/2010 renderà necessario attuare delle politiche del personale rivolte soprattutto al reclutamento delle figure professionali più strategiche per l’Ente”.
- Tra gli obiettivi delle politiche sulle risorse umane c’è poi anche quello di “favorire la valorizzazione, la crescita e lo sviluppo professionale delle risorse umane dell’Ente. Il deciso contenimento della spesa per il personale, nonché le conseguenti limitate possibilità di assunzione, così come da ultimo stabilito dal D.L. n. 78/2010, costringono ad una gestione delle risorse umane che ne garantisca il più funzionale e ottimale utilizzo nel quadro del rispetto di una serie di vincoli sempre più stringente”.
Ci auguriamo che questo nuovo collaboratore di “Profilo C” - che si aggiungerà agli oltre 170 interni e che ci costerà l’equivalente di un affitto di 500 euro al mese per sette famiglie bisognose per cinque anni - sia davvero “strategico per l’Ente”.
Nell’attesa, a voi ogni altro commento.


La delibera di Giunta »

Commenti